Le macchine per realizzare il sottovuoto domestico sono strumenti molto utili e semplici da usare che permetteranno di aiutare a non sprecare cibo. Averne una in casa è sempre più un oggetto di grande utilità per le famiglie.


In genere questi strumenti sono fatti in plastica dura e metallo e grazie a questa scelta abbiamo a disposizione apparecchi sicuri e in grado di avere una lunga vita. Non hanno dimensioni troppo grandi e in genere hanno forma rettangolare o comunque allungata.
Una parte dell’apparecchio si apre per permettere di infilare facilmente il sacchetto, sotto il bordo della macchina dove è operativo un sistema studiato in modo tale da rendere possibile far uscire tutta l’aria dal contenitore dove è posto il cibo, con una percentuale che arriva al 99%.
Sul bordo inferiore dell’apparecchio invece sono presenti i sistemi destinati alla sigillatura del contenitore e che permettono la chiusura ermetica dei sacchetti per alimenti messi nel kit di acquisto, e in generale dei contenitori adatti al sotto vuoto. Una procedura estremamente efficace e sicura che permette di prolungare la “vita” degli alimenti sottovuoto.

Questa sigillatura avviene tramite una barra saldante realizzata in materiali antiaderenti e atossici. Inoltre come dicevamo, hanno un kit di accessori con una quantità variabile di sacchetti per la conservazione dei cibi e un piccolo tubicino per il sottovuoto all’interno di contenitori di vetro e in vaschette.
Si deve poi fare attenzione alla qualità della macchina e ai criteri di base per avere davanti la macchina giusta; questi sono il “valore del vuoto” cioè quanta aria l’apparecchio è in grado di estrarre dai contenitori. Più aria si riuscirà ad estrarre e più si allungherà la durata della conservazione del cibo posto sotto vuoto. Il vuoto va misurato in millibar e una macchina di qualità dovrebbe avere da 800 a 900 mbar di capacità di vuoto.