I climatizzatori portatili sono degli apparecchi che permettono di raffreddare casa senza installare un climatizzatore fisso. Questo elettrodomestico, è sempre più diffuso perché permette di raggiungere la temperatura che si desidera senza l’ingombro di una struttura fissa. Tali climatizzatori si montano su due ruote e sono apparecchi – solitamente – monoblocco, ovvero senza unità esterna. Non hanno bisogno di un’installazione ben precisa o dell’intervento di operai. Ecco perché, sono ideali soprattutto, per coloro che vivono in strutture in affitto oppure che non possono fare lavori di muratura. Vediamo come acquistare il miglior condizionatore portatile per rinfrescare la propria abitazione.

Raffreddare casa, i migliori elettrodomestici

Per raffreddare casa, gli elettrodomestici migliori sono i climatizzatori portatili qualora non vi sia la possibilità di installare quello fisso. Esistono in versione monoblocco, ma anche in quella split. In quelli split vi è un elemento in cui esce l’aria fredda che si deve posizionare in casa ed un condensatore che invece, si mette nella parte esterna. Generalmente queste due parti sono collegate da un tubo. Ci sono anche le versioni portatili a pompa di calore. Tali modelli funzionano con l’inversione del ciclo termico e quindi, riescono a rinfrescare e riscaldare fino a 5 volte più di una stufa o di un termoventilatore. Inoltre, è anche possibile puntare sui climatizzatori portatili on-off. Parliamo di apparecchi che partono dalla massima potenza e poi raggiungono la temperatura che ci vuole fino ad arrivare allo stop automatico. Non riescono a garantire degli ottimi risultati anche in termini di efficienza energetica e ottimizzazione dell’utilizzo delle risorse elettriche. Questo tipo di condizionatore è quello un po’ più caro, però dà un risparmio nel lungo periodo che arriva quasi al 30% rispetto al totale.

Le caratteristiche degli elettrodomestici per raffreddare casa

Gli elettrodomestici per raffreddare casa più diffusi, sono sempre i climatizzatori portatili e va scelto con attenzione anche in base alla sua potenza. Più grande è l’ambiente, più deve essere potente. In generale, si deve calcolare una potenza di circa 340 Btu/h per metro quadro. Generalmente, i valori variano tra i 9000 e 12000 Btu/h. I climatizzatori migliori, di categoria più alta, sono quelli che hanno una modalità di funzionamento diversa disponibile. Tra le principali quella deumidificazione, raffreddamento, modalità automatica oppure ventilazione. Poi ci sono anche quelli dotati di timer che permettono la programmazione ideale anche nell’ottica del risparmio energetico. Un altro vantaggio di questi strumenti è che si possono spostare dove si vuole, magari possono essere messi di giorno, in soggiorno e di sera, in camera.

Gli altri vantaggi dei climatizzatori portatili

Tra gli altri vantaggi dei climatizzatori portatili che riescono a raffreddare casa facilmente, vi è anche il fatto che il filtro si pulisce facilmente. Inoltre, sono ideali per coloro che non possono svolgere lavori in muratura in casa o che vivono in affitto. Possono essere usati in più aree. In più, bisogna scegliere con cura preferendo quelli adeguati secondo le nuove tecnologie per garantire un buon funzionamento. Però questa scelta rappresenta la soluzione ideale per chi ha necessità di garantire la giusta temperatura all’interno dei propri spazi senza spendere troppo.